sabato 22 febbraio 2020

Corso di Storia della geologia alla Sapienza, Università di Roma


di Alessio Argentieri e Marco Pantaloni

La Sezione di Storia delle Geoscienze della Società Geologica Italiana è lieta di annunciare che presso il Dipartimento di Scienze della Terra della Sapienza Università di Roma, è stato attivato l’insegnamento di Storia della Geologia. L’incarico di docenza è stato conferito a Marco Romano, che da giovane ricercatore fu fra i primi adepti della Sezione progetto GEOITALIANI ed oggi, dopo qualche anno, affronta questo importante impegno della sua maturazione didattica e scientifica.
Il corso è collocato nel secondo semestre dell’Anno Accademico 2019/20 ed avrà inizio il prossimo giovedì 27 febbraio (ore 16). Le lezioni si svolgeranno presso il Dipartimento di Scienze della Terra nei seguenti orari: giovedì 16-18 (aula 16) e venerdì 11-13 (Aula 5).
L’evento è motivo di orgoglio e vanto per la nostra Sezione, a nome della quale formuliamo i migliori auguri al collega Romano e ringraziamo il Dipartimento di Scienze della Terra per la lungimirante scelta.
E’ un momento significativo per la comunità geoscientifica italiana, che con questo ulteriore passo rimette la propria tradizione culturale quale base fondante della formazione delle nuove leve di geologi. Che si diventi tecnici, ricercatori, didatti, pubblici funzionari o liberi professionisti, è imprescindibile conoscere le proprie radici, sapere da dove si proviene, per capire dove dirigersi.
Oltre sette anni fa con questo spirito ci si lanciò nell’impresa GEOITALIANI, come ricordato di recente nel celebrare il settimo anniversario della nascita della Sezione (https://www.geoitaliani.it/2019/12/the-seven-year-itch.html).

Ed è una ottima notizia che in questo 2020, proprio nel luogo in cui Bruno Accordi concepì e realizzò il suo Storia della geologia (pubblicato nel 1984, e ad oggi l’unico trattato organico sulle geoscienze italiane), finalmente si ritorni a parlare del passato quale chiave del presente e del futuro. Per giunta nello stesso anno in cui si attribuirà il nuovo premio co-intitolato a Bruno Accordi e Nicoletta Morello che la SGI, con il fondamentale supporto della Fondazione Banca Sella, attribuirà a giovane studiosa/o di storia delle geoscienze.
Ci concediamo perciò con sollievo un poco di ottimismo rispetto alle considerazioni fatte nel 2013 sulle capacità delle varie discipline scientifiche italiane nel valorizzare la propria tradizione culturale (http://www.geoitaliani.it/2013/12/le-vite-degli-altri-storia-e-memoria.html).




Nessun commento:

Posta un commento