mercoledì 13 marzo 2013

1913, Federico Sacco, "Les Alpes Occidentales"



di Marco Pantaloni

100 anni fa, nel 1913, Federico Sacco pubblicò il volume: “Les Alpes Occidentales: schéma géologique”, con allegata una carta geologica in scala 1:500.000.

Federico Sacco nacque a Fossano (CN) il 5 febbraio 1864.
Scrisse: “Dalla mia natìa cittadina, Fossano, fronteggiante il Monviso, fin da giovinetto ammiravo, uscendo appena di casa, l’ardita piramide dentata …”, ben visibile dal suo paese.
Iniziò così il suo interesse per la montagna, la natura e la geologia. Studiò al Liceo, si laureò in Scienze naturali nel 1884 e iniziò subito la carriera universitaria presso il Regio Politecnico di Torino. Fu professore incaricato di paleontologia tra il 1886 e il 1917, ordinario di geologia dal 1897 al 1935.
Tra i suoi numerosi incarichi vanno ricordati: Presidente della Società Geologica Italiana, del Comitato Geologico Italiano, del Comitato Glaciologico Italiano; membro del Consiglio Superiore delle Miniere, dell’Accademia dei Lincei e dell’Accademia delle Scienze di Torino.
Sacco pubblicò più di 600 lavori frutto di campagne di studi e rilevamenti che gli fecero percorrere a piedi circa 60.000 chilometri.

Gran parte delle sue ricerche vennero svolte nelle Alpi occidentali delle quali, nel 1913, pubblicò la monografia: Les Alpes Occidentales: schéma géologique. Torino, Imprimerie du Collège des Artigianelli, 196 pp., comprensiva di 3 carte. La carta “Les Alpes occidentales” è disponibile in formato raster sul sito web della biblioteca ISPRA (download).

L’opera citata è preliminare alla sua monografia più conosciuta: “Le Alpi”.
Edita dal Touring Club Italiano, il saggio consta di 65 articoli in 700 pagine arricchiti da una galleria fotografica di oltre 1000 illustrazioni. Nel volume Sacco affronta tutti gli aspetti della catena alpina: l’assetto tettonico, il glacialismo, l’erosione fluviale, il carsismo, tutti permeati da una intensa vena umana e poetica.
Durante i suoi rilievi raccolse campioni di rocce e fossili, con i quali arricchì le collezioni universitarie.
Nel 1939 pubblicò un interessante lavoro dal titolo: “Leonardo da Vinci geologo”, mettendo in luce le osservazioni di natura geologica fatte da Leonardo tre secoli prima.
Federico Sacco morì a Torino il 4 ottobre 1948 all’età di 84 anni: una lunga vita interamente dedicata alle “sue” Alpi.