mercoledì 23 agosto 2017

Su Tempiesu, ovvero il culto nuragico delle acque

di Marco Pantaloni

Isolata nel territorio di Orune, in provincia di Nuoro, si trova la fonte sacra di età nuragica di Su Tempiesu.


Scoperta nel 1953 in località Sa Costa 'e Sa Binza dai proprietari del fondo, che videro affiorare alcuni blocchi squadrati in pietra basaltica, del tutto estranei quindi alle litologie affioranti nell'area, costituite da metarenarie e filladi.
Grazie alla conoscenza 'geologica' dei signori Sanna, i proprietari del fondo, fu possibile portare alla luce uno dei monumenti più rappresentativi della Sardegna nuragica: la fonte di Su Tempiesu, dedicata al culto della acque, uno degli esempi più raffinati di architettura religiosa nuragica.
Suggestiva l'idea che un piccolo rivolo d'acqua, nella cultura moderna spesso ignorato, abbia rappresentato per migliaia di anni un luogo di incontro sociale pieno di significato mistico.


La visita al sito di Su Tempiesu è garantita dalla ottima accoglienza della cooperativa L.A.R.Co.


Il sito conserva pienamente gli aspetti religioso-culturali dell'antica civiltà nuragica così come, per i geologi, gli aspetti geologico-morfologici dell'area.
Indimenticabile è l'avvicinamento al sito di Sa Costa 'e Sa Binza, partendo dalla statale 131 e passando per il paese di Orune.