venerdì 27 dicembre 2013

1951: Nei paesi dell’argilla

di Marco Pantaloni

Un documentario dal titolo “Nei paesi dell’argilla”, girato nel 1951 dall'Istituto Luce e distribuito nel 1955, illustra gli aspetti antropici e naturalistici della piana del Campidano in Sardegna.
Della durata di circa 7 minuti, il documentario si sofferma nella descrizione della lavorazione dell'argilla per la produzione di mattoni destinati alla fabbricazione delle tipiche e rustiche abitazioni della più estesa pianura dell’isola.



Il documento filmato, dopo sequenze che descrivono gli aspetti naturalistici e antropologici della zona, si sofferma sull'estrazione dell’argilla dal sottosuolo e sulle tecniche di lavorazione per la produzione di mattoni, secondo tecniche che oggi definiremmo a basso impatto energetico.
Il lavoro, all'apparenza piuttosto semplice, viene però condotto con grande fatica dagli operai, uomini e donne, sia con l’estrazione del materiale a mano attraverso l’uso del piccone, sia con il trasporto del materiale da parte delle donne con ceste portate sul capo.
Il filmato si conclude con uno sguardo al futuro, auspicando uno sviluppo compatibile con i vecchi sistemi, perché rappresentano “il frutto di una iniziativa di queste comunità, costrette a vivere e a produrre, per secoli, in condizioni tra le più difficili e avverse, e addirittura estraniate dalla storia.”

E ancora: “si tratta di valorizzare le risorse umane e l’intelligenza cui queste popolazioni si sono dimostrate capaci” finalizzate ad esaudire “le speranze nella rinascita dell’isola”.

Il filmato, per la regia di Fiorenzo Serra e musicato da Mario Tamanini, è visualizzabile anche sul sito dell’Archivio storico dell’Istituto Luce.

Il regista Fiorenzo Serra, dopo la laurea in Scienze Naturali all'Università di Firenze, torna in Sardegna nel 1945 e si dedica al cinema naturalistico e realistico, raccontando la storia e la cultura dell'isola, senza trascurare le problematiche sociali. In particolare si occupa di analizzare le trasformazioni in corso in Sardegna nel dopoguerra e l'influenza di queste trasformazioni sugli aspetti sociali e culturali. Fiorenzo Serra è il documentarista forse più importante per il Novecento in Sardegna, grazie soprattutto al suo lungometraggio L'ultimo pugno di terra (1965).

Il regista Fiorenzo Serra,
autore del documentario
Per saperne di più: